Maestra Bacchetta

Non ricordo più il mio nome di battesimo, ormai sono per tutti la maestra Bacchetta. Vivo sola in collina, tra centinaia di libri e chili di polvere, con l’ossessione della grammatica. Qualche anno fa messer Dante è venuto a trovarmi in sogno chiedendomi, quasi con le lacrime agli occhi, di operare per la salvezza della lingua italiana. Da allora non mi separo mai da una bacchetta in legno d’acero, con la quale colpisco in testa l’asino di turno. Per questo non ho più parenti né amici: li ho picchiati tutti.…

Leggi

Nuvola bagnata…

9 dicembre 2017. Sabato mattina piovoso. Inizia male, per me. Metro direzione Laurentina, discesa Eur Fermi. 500 metri sotto l’acqua e almeno altrettanti di coda all’aperto, senza riparo alcuno. Tutti i miei migliori auspici sulla giornata festaiola da trascorrere alla Fiera ‘Più Libri Più Liberi’ di Roma fugati dal tempo infausto e da una organizzazione che mi sembra faccia acqua anch’essa, come quella che piove dal cielo! Ma la Nuvola sognante di Fuksas rischiara il mio sguardo e quel sole scomparso arriva a riscaldarmi proprio mentre sono in fila a…

Leggi

Tratterò la poesia come un’osteria

Quando vado a Roma ho sempre il desiderio di mangiare gli spaghetti alla carbonara, l’abbacchio scottadito, le puntarelle e i carciofi alla giudia. Per ognuna di queste delizie ormai conosco un locale particolare e faccio di tutto per raggiungerlo. Ma se non è possibile, ascolto i consigli di qualche altro buongustaio e mi spingo alla ricerca del nuovo e del migliore. Comunque, nelle trattorie da me preferite ovviamente non mangio tutti i piatti del menù e sono certo che non tutte le pietanze sono fatte con la stessa qualità. I…

Leggi