I grandi panchinari della “Nazionale” d’Italiano

C’è un posto molto particolare a Stresa, che se ne sta come una cosa dimenticata a pochi metri dal lungolago, proprio lì, sotto lo sguardo ignaro di milioni di turisti che ogni estate popolano la cittadina piemontese. È una panchina di pietra fredda e grigiognola, su cui nei pomeriggi d’estate erano soliti sedersi padre Antonio Rosmini e Alessandro Manzoni – rispettivamente il maggiore filosofo e il maggiore letterato dell’Ottocento italiano –, all’ombra di una magnolia grandiflora enorme, magnificente, che il solo guardarla riempie gli occhi. “Raro esempio di flora mediterranea…

Leggi

L’arte di rovinare l’arte, anche senza water

Su una cosa non si discute: Sgarbi critico d’arte è insuperabile nella sua preparazione e capacità dialettica. E il format che sta portando in giro lungo la penisola, una lectio magistralis dedicata a Michelangelo, dopo quella sul Caravaggio dello scorso anno, funziona. Trascinante la formula dello spettacolo: immagini suggestive proiettate su tre pannelli e un eccellente violinista (Valentino Corvino) a fare da intermezzo alle varie parti. Sgarbi prende per mano lo spettatore e lo conduce in un viaggio unico, raccontando la vita e soprattutto le opere di un artista “celestiale”,…

Leggi

Roghi di libri (Parte 2)

Continuiamo la carrellata dei film, rigorosamente tratti da libri di successo, che contengono incredibili scene di libri che vengono bruciati. La deplorevole pratica della biblioclastia. Siamo nel 1999 e quel genio di Roman Polanski dirige uno dei suoi film più controversi: “La nona porta”, tratto dal best seller “Il club Dumas” dello spagnolo Arturo Pérez-Reverte. Protagonista è Dean Corso (Johmmy Depp), esperto di libri antichi alle prese con l’autenticazione di un antico tomo dal titolo “Le nove porte del regno delle ombre”, scritto dall’esoterico Aristide Torchia, giustiziato sul rogo dall’Inquisizione…

Leggi