A letto con Hemingway

Se volete sentire il più profondo respiro del celebre scrittore Ernest Hemingway dovete volare fino in Florida, verso la sua casa-museo in Key West. Oppure potete “scendere” molto prima, a Stresa sul lago Maggiore, e soggiornare in una delle strutture ricettive più lussuose della cittadina, al Grand Hotel Des Iles Borromées. In questo albergo che luminoso, troneggia sul lungolago come un monarca orientale, al primo piano si trova la stanza 106. E che stanza!  È una suite estesa 240 meri quadri, composta da due camere da letto, un salone, uno…

Leggi

Donatella Di Pietrantonio, “Bella mia” (Elliot)

«Siede al suo posto con la testa capellona sul piatto, il vapore del brodo gli dilata i brufoli e piega i peli lunghi e sottili che spuntano senza progetto in attesa di diventare barba». Bastano le primissime trentaquattro parole di “Bella mia” per farci ripiombare nell’universo incredibile di Donatella Di Pierantonio. Lo stesso universo regalatoci ne “L’arminuta”, uno dei migliori romanzi pubblicati lo scorso anno, costruito con uno stile semplice ma denso di aspro incanto. Una storia intima, del dolore di una perdita improvvisa e del disperato tentativo di farsi…

Leggi

Ilaria Tuti, “Fiori sopra l’inferno” (Longanesi)

Facciamo parlare prima i lettori, che contano più di qualsiasi dotto letterato e di qualche critico arrampicato su cattedre spesso pilotate. Abbiamo spulciato qui e là tra le varie piattaforme dove chi conta (in questo caso chi compra) può esprimere il proprio parere: ebbene oltre il 90% dei lettori ha valutato “Fiori sopra l’inferno”, il fortunato esordio letterario (quattro edizioni in un mese!) di Ilaria Tuti, da ‘buon libro’ a ‘capolavoro’. Insomma da leggere. E che il thriller psicologico della quarantaduenne friulana fosse nato sotto una buona stella lo si…

Leggi