Alberto Garlini si racconta

Alberto Garlini, nato a Parma nel 1969, si trasferisce a Pordenone all’età di 14 anni ed attualmente vive a Porcia, sempre in Friuli.  Acquisita la laurea in Giurisprudenza, inizia subito dopo l’Università, un periodo di praticantato presso uno studio legale, ma vive un periodo di transizione particolare, ed una lotta interna durissima, dovuta allo “scrittore” che era in lui e che voleva venire fuori. Ha scritto diversi libri, per lo più romanzi, nonostante si sia cimentato egregiamente anche con la poesia. Ha scritto “Una timida santità” “Futbol Bailado” “La legge…

Leggi

Come nasce un amore!

Avevo 14 anni. Frequentavo il primo anno delle Superiori. Un Istituto Tecnico Agrario pieno di laboratori di chimica, biologia e di altre materie simili. Chi si sarebbe mai aspettato che in quella scuola ci fosse una biblioteca, e che fosse così grande. E quanta polvere su ogni libro. La mia professoressa di Italiano, una donna grandicella ed occhialuta, ci teneva ad aprire la biblioteca almeno un ora a settimana, nella speranza che qualcuno andasse a fruire di quei meravigliosi testi. Ma non ci entrava mai nessuno. Io, invece, incuriosita da…

Leggi

Dello stare

Nel 1963, Georges Simenon pubblica il romanzo “Le campane di Bicêtre” (Les anneaux de Bicêtre) nel quale si narra la condizione di René Maugras, noto direttore di un quotidiano parigino. Il protagonista giace nel letto di un ospedale, vittima di un ictus; egli è consapevole della propria situazione, infatti un paio di luminari suoi amici gli hanno assicurato che riprenderà quasi completamente l’uso del braccio destro, ma, che soprattutto potrà tornare a parlare. Tutto bene, si potrebbe pensare, e invece no: Maugras, disteso all’ombra dei suoi pensieri e delle sue…

Leggi