David Szalay, “Tutto quello che è un uomo” (Adelphi)

Benedetta rete che di tanto in tanto fa il suo dovere: informare. È così, per puro caso, che ci si può imbattere in uno dei libri più potenti e veri degli ultimi anni. Stiamo parlando di “Tutto quello che è un uomo”, opera numero quattro (ma prima tradotta in Italia) del quarantaquattrenne canadese David Szalay. Composto di nove racconti, nove storie che narrano di altrettante vite. Protagonisti assoluti gli uomini, in tutte le fasi del ciclo vitale: un adolescente innamorato in viaggio a Berlino, un giovane egoista ricercatore universitario, un…

Leggi

Federico Fabbri, “L’inferno non ha nuvole” (Les Flâneurs Edizioni)

L’autore, svelando la sua passione per Wilbur Smith, ha definito il suo stesso romanzo “d’avventura”. Ed effettivamente “L’inferno non ha nuvole”, scritto dal romagnolo Federico Fabbri e pubblicato di recente da Les Flâneurs Edizioni, ruota attorno ad una lunga e articolata avventura che ha come protagonista il giovane Denis. Trentacinque anni, abbandonato dai genitori, l’uomo parte alla loro ricerca giungendo a Santa Sofia, un piccolo paese in provincia di Forlì-Cesena, ai piedi del suggestivo Appenino forlivese. Qui verrà accolto come uno di famiglia da una straordinaria varietà di curiosi personaggi;…

Leggi

Donato Carrisi, “L’uomo del labirinto” (Longanesi)

Il vero labirinto, questa volta più che mai, Donato Carrisi lo ha creato per il suo lettore. Non basterà giungere all’ultima delle 400 pagine del suo ultimo romanzo “L’uomo del labirinto” per sfuggire alle spire soffocanti del male e alle troppe domande a cui ci sottopone. E per questo l’autore martinese si conferma uno dei numeri uno al mondo nel genere thriller, con l’orgoglio, lasciatecelo dire, che sia tutto made in Italy. Una storia che tiene il lettore chiuso in trappola esattamente come accade ai protagonisti, perché «Lui non lo…

Leggi