Gianluca Calvino, Colpa di chi muore (Homo Scrivens)

Gianluca Calvino è stato il mio primo prof. di scrittura creativa, e mi è parso strano leggere un libro scritto da lui – il suo primo libro – per Homo Scrivens, una casa editrice indipendente di Napoli.

Il cognome è già una garanzia per chi volesse acquistarlo, il libro, però spenderò qualche parola allegra, e ironica sul testo, così come è lo stile della narrazione, che si consuma pagina dopo pagina in un tempo poco definibile perché breve. Non che breve sia la narrazione, il tempo è breve perché è piacevole la lettura di questo noir ironico, se possiamo definirlo così.

La storia – che non vi anticiperò minimamente – è fatta di personaggi, molti, ognuno con il suo carattere, il suo tratto somatico definito anche dal modo di vestire, di parlare. Sono tante voci, e luoghi, a prendere vita in Colpa di chi muore. La musica, anche lei – dico lei perché non riesco a vederla fuori dal ruolo del personaggio – chiave di apertura di altri nodi che si sciolgono durante la trama, a tratti intricata per esigenze di genere.

Punti interessanti, che si vanno a collocare fuori del ritmo, sono i romantici fotogrammi di una città – Napoli – non invasiva, esasperata, lagnosa come in altre narrazioni, che spesso ci capita di leggere, in cui la città implode nell’ambientazione.

Les Flâneurs vi consigliano di leggere questo libro, magari anche sotto l’ombrellone, visto che è già tempo di mare!

 

Marchio: Homo Scrivens

Collana: Narrativa italiana

Prezzo: 15 €

Pagine: 194

 

http://www.homoscrivens.it/Catalogo/Dieci/index.html#colpa

Related posts

Leave a Comment