Lorenzo Marone, direttore editoriale della fiera del libro di Napoli

Ricomincio dai Libri, la fiera del libro di Napoli di cui vi ho già parlato qualche mese fa, giunge alla quinta edizione con una magnifica entrata nell’organizzazione, Lorenzo Marone alla direzione editoriale.

Gli organizzatori, vale a dire le associazioni La Bottega delle parole, LibrincircoloParole Alate e la cooperativa sociale Sepofà, oltre a dare il benvenuto all’amico scrittore, manifestano un grande entusiasmo e una grossa volontà di portare al centro il libro (e la lettura) in una città come Napoli che di cultura è già pregna.

La fiera si terrà il primo fine settimana di ottobre, dal 5 al 7, al Museo Archeologico Nazionale di Napoli, il primo museo italiano, che oltre a essere un luogo prestigioso della città, è il più grande partner di Ricomincio dai Libri.

Ma partiamo da più dietro, il nome della fiera si ispira al primo film di Massimo Troisi, Ricomincio da tre, del 1981. Prendendo esempio dal modo di raccontare dell’attore, Ricomincio dai Libri vuole parlare di cultura, quindi di libri, attraverso un linguaggio semplice, spontaneo, leggero. Perché è forse l’unica strada per dialogare con un pubblico più giovane, che oggi gode di stimoli innovati e veloci come il web.

Ricomincio dai Libri – un’organizzazione che parte dal basso, fatta di giovani professionisti operanti nel settore della formazione e dell’editoria – vede il libro come chiave di apertura delle menti, come strumento necessario alla distruzione dei muri.

“Frontiere” è il tema di questa quinta edizione, inteso in senso trasversale. Si sta lavorando soprattutto per stabilire un contatto con i giovani, perché è nelle loro mani che riponiamo la speranza. E perché insieme a loro è possibile, in questo momento storico, smuovere le menti. Ci interessa distruggere le frontiere mentali, fisiche, psicologiche, sociali, politiche.

Da qualche giorno, sono online i bandi di partecipazione alla quinta edizione della fiera del libro di Napoli. A questo link: www.ricominciodailibri.it.

Related posts

Leave a Comment