Stay rock!

Internet ha ucciso il rock, non è il solito saggio sulla musica. L’autore ci propone un nuovo modo di scrivere sulla musica, una sorta di libro inchiesta dove la realtà si mescola alla fiction distinguendo quella che è la parte di cronaca dai racconti, riuscendo comunque a rendere la fiction funzionale alle domande che vuole porre Giancarlo Caracciolo, alla prima opera, rendendola più gustosa. Infarcito di citazioni da parte delle rockstar più rappresentative della scena, Internet ha ucciso il rock ripercorre la storia del genere dalla nascita sino all’avvento di internet. Straordinario nello sviscerare il tema senza mai cadere nel banale e nel noioso, Caracciolo ci guida per mano in una sorta di viaggio on the road e nel tempo, nei luoghi e nei momenti più significativi della storia del rock, dove l’asfalto sono le sue parole e l’Harley Davidson è la nostra immaginazione, con un approfondimento finale che ci induce a riflettere su quello che è diventata la musica oggi e sui metodi di fruizione moderni. Particolare la scelta di introdurre citazioni occulte da cogliere all’interno dei racconti dando un tocco di libro game che rende la lettura ancora più piacevole. Buona la prima Giancarlo and stay rock!!

Related posts

Leave a Comment