Pietà per una povera invalida

Riceviamo e volentieri pubblichiamo. Gentilissima Maestra Bacchetta e redazione di ‘Les Flâneurs Magazine’, sono l’acca, altrimenti conosciuta come la mutina, perché esisto ma non si sente. Da piccola assomiglio a una bimba paffuta e un po’ goffa, da grande a una scala che porta fino al cielo. Sono omertosa più degli scugnizzi della malavita: non vedo, non sento, ma soprattutto non parlo.  Per molto tempo ho svolto una funzione sociolinguistica importante, anche se incompresa: servivo a distinguere la “a” preposizione e la congiunzione disgiuntiva “o” dal verbo avere, servivo a…

Leggi