“Indignazione”: un film da recuperare e un libro da leggere

Destino amaro quello di “Indignazione”, il bel film diretto nel 2016 da James Schamus (al suo esordio) e tratto dall’omonimo libro del maestro statunitense Philip Roth: in Italia, infatti, non ha trovato nessun distributore ed è uscito direttamente in dvd a novembre dello scorso anno. Eppure l’adattamento dal libro è stato sincero e accurato, e il film brilla per la sceneggiatura ricca di dialoghi memorabili, per i costumi e per le scenografie, impeccabili. Restando quasi del tutto fedele al messaggio che Roth ha voluto racchiudere nelle pagine del suo romanzo…

Leggi

Paolo Cognetti, “Le otto montagne” (Einaudi)

Ho letto questo libro per “colpa” del gruppo di lettura che frequento ormai, più o meno assiduamente, da un paio di anni. Dei premi Strega ho sempre un po’ diffidato: qualcosa intorno a cui si fa troppo rumore – che sia un libro, un film o un disco – la maggior parte delle volte ha sempre deluso le mie aspettative. Invece con questo romanzo di Cognetti non è successo. L’autore regala un piccolo gioiello ai suoi lettori parlando dell’amicizia fra Pietro e Bruno. Il primo è un ragazzo di città,…

Leggi

Final Portrait

L’artista e il modello.  Il soggetto e il ritrattista. Stanley Tucci questa volta è alla sua quinta regia e non davanti la macchina da presa come (bravo) attore. Nell’apparente banalità della trama, l’artista qui è Alberto Giacometti (Geoffrey Rush) e il soggetto in posa il giovane scrittore statunitense James Lord (Armie Hammer). Per questo ritratto commissionatogli dallo scrittore, i due giorni previsti diventano diciotto, scanditi da conversazioni, riflessioni sull’arte, continue interruzioni, insofferenze, distrazioni, tele strappate, bar, bottiglie di vino, prostitute. Perché siamo di fronte a Giacometti, non uno qualunque. Classico genio…

Leggi